/ Attualità

Attualità | 11 febbraio 2019, 23:18

La regina vercellese di Instagram

INFO-INTERVISTE: GIULIA BORRA, 18.500 FOLLOWER E LA PASSIONE PER LA MODA

Giulia Borra

Giulia Borra

Si sveglia, sveglia i figli, prepara loro la colazione, li porta a scuola. Dopo averli salutati guarda lo smartphone e controlla Instragram

Non è una cantante, non è una sex symbol, non è una scrittrice di successo: è una donna appassionata di moda. Da sempre. Da quando, bambina, si specchiava con un vestitino nuovo, ricevuto in regalo. E questa passione ha fatto sì che Giulia Borra, con 18mila e 500 follower (che aumentano ogni giorno) sia la regina vercellese (della moda, almeno) su Instagram.
Partiamo dai suoi diciott'anni. Chi era, allora, Giulia? Cosa sognava?
«Studiavo e intanto ero attratta dalla moda. I miei genitori, però, si rifiutavano di assecondare questa mio hobby costoso, e così nei weekend cominciai a lavorare. Poi, con quello che guadagnavo, comperavo scarpe, vestiti. Ricordo i primi acquisti: in un noto negozio comprai due jeans e due maglie molto particolari della Denny Rose, ed ero fiera, molto fiera di me stessa».
Spiegaci meglio questa tua fierezza.
«Avevo qualcosa che mi faceva star bene con me stessa».
Tu entri in un negozio di capi d'abbigliamento. Cosa scegli, come scegli?
«Non compro mai a caso. Creo outfit precisi. Dentro un negozio compro questo, questo e questo. Completi, e giusti abbinamenti, insomma».
Dopo gli studi ecco il lavoro: nel settore della moda, naturalmente.
«Ho lavorato in negozi di abbigliamento con ruolo di Store Manager, che mi si addice perché sono pignola, perfezionista e attaccata al lavoro. L'esperienza più importante è stata quando H&M mi scelse, tra decide e decine di candidati di tutta Italia, come Visual Manager Merchandiser. Lavoravo nei loro uffici e negozi di Milano e Torino, partendo da Vercelli alle cinque del mattino, perché il Visual Manager comincia a lavorare quando il negozio è ancora chiuso. Ero all'apice di una carriera che sembrava in ascesa, solo che giorno dopo giorno cominciai a provare sempre più nostalgia: i miei figli crescevano e io me li potevo gustare solo la sera o nei week end, e così decisi di lasciare».
La moda, certo, ma anche la famiglia sono i suoi biglietti da visita.
«Sono sposata con Cristiano e sono mamma di Nicole, che ha 12 anni, e Francy che ne ha 5. Ero giovanissima quando nacque Nicole, di cui sono orgogliosa per la serietà con cui affronta gli studi e la ginnastica ritmica a livello agonistico. Mio marito e le mia amiche, poi, sono importanti perché mi incoraggiano in questa avventura...».
L'avventura di Giulia Borra: influencer grazie a Instagram. Parlaci di questo incontro.
«Era marzo del 2018. Iniziai a tirar fuori dagli armadi le cose creando outfit semplici che ogni donna ogni mamma può indossare, perché ogni donna, nonostante i mille mille impegni, deve sempre trovare un momento per sentirsi bella, e a farmi fotografare. Poi postavo su Instagram. Nel giro di pochissimo i like dai 300 scarsi iniziali divennero migliaia. Mi svegliavo e trovavo quando 10, 30, 50 richieste di persone che iniziavano a seguirmi... è iniziata così la mia vita da social media influencer. La gente mi scriveva per sapere dove avevo comprato quello, che bello questo, anch'io lo voglio, dove l'hai preso».
Aumentano i follewer, e l'avventura diventa più esaltante.
«Sì, poi i vari negozi cominciano a chiederti: se ti regalo quel vestito, quella borsa, quella maglia mi faresti pubblicità? E poi iniziano i vari contest per i settimanali e le aziende, che iniziano a notarti, a farti richieste precise, a offrirti viaggi. Per esempio ad ottobre ero a Lille e Bruxelles e tra poco partirò per Madrid. Viaggio spesso, ed è un impegno perché prima di partire cerco appositamente gli outfit e li fotogrago».
Giulia Borra e la sua pignoleria quando c'è di mezzo la moda.
«Cerco di essere sempre preparata, seguo sempre le nuove tendenze. Ma la mia vita, adesso, è tanto intensa quanto equilibrata: trascorro le mie giornate tra figli, casa foto e shopping online e nei centri commerciali. Leggo un sacco di riviste al giorno e m'inforno sui nuovi trend. Non è assolutamente facile, però trovo il tempo anche di notte se necessario».
Al mattino, poi, c'è il risveglio della mamma influencer: caffè, bimbi a scuola, poi Instagram.
E il futuro? «Non so cosa mi riserverà, chissà».

Remo Bassini

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore