/ Cronaca

Cronaca | 09 febbraio 2019, 12:32

Ombre inquietanti per il futuro dell'Ifi (ex Magliola)

IL CIRCOLO PD DI SANTHIA': SITUAZIONI CONTABILI POCO COMPRENSIBILI, MENTRE DALLA SICILIA RIMBALZA LA NOTIZIA DI UN'INCHIESTA CHE COINVOLGEREBBE UN AMMINISTRATORE DELLA SOCIETA'

L'Ifi, ex Magliola, di Santhià, azienda che opera nel settore ferroviario

L'Ifi, ex Magliola, di Santhià, azienda che opera nel settore ferroviario

Giovedì 7 febbraio il Circolo del Partito Democratico di Santhià - Carisio,  si è riunito per esaminare la drammatica situazione in cui versano i 138 dipendenti della IFI (ex Magliola), che da circa 3 mesi non ricevono lo stipendio e da più di un mese sono inattivi per la paralisi aziendale venutasi a creare per una pesante situazione finanziaria e produttiva.

Sono emerse situazioni poco comprensibili che riguardano le numerosissime variazioni aziendali che riteniamo, dovrebbero essere approfondite dalle autorità competenti.

La società costituita nel 2012 con sede a Roma,  ma di proprietà esclusiva di una società lussemburghese (Iniziative Ferroviarie Italiane Lux s.a.r.l.), ha attualmente un capitale sociale di 651.364,00 euro, ma nel periodo 2013/2015, attraverso a  ben 7 variazioni di capitale, è passata da un capitale deliberato di euro 3.360.000,00 versato per 1.300.000,00 euro,  a quello attuale, e con una mancata presentazione del bilancio per il 2017, ed infine con recentissime variazioni (1 febbraio 2019) per cancellazione dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali e per cessazione di attività nella sede legale (6 febbraio 2019).

A questa difficile situazione si aggiunge una notizia apparsa il 4 febbraio 2019  sul quotidiano “Gazzetta del Sud” circa provvedimenti messi in atto su richiesta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Messina, a seguito di indagini della Guardia di Finanza, con 16 ordinanze di custodia cautelare, e altre misure interdittive riguardanti avvocati, commercialisti e imprenditori.

Tra questi, sempre che non si tratti di omonimia, appare il nominativo di un amministratore presente nelle visure camerali della Società.

I componenti del Circolo del Pd santhiatese, preoccupati per la sorte di decine e decine di famiglie, chiedono alle Autorità preposte, chiarezza e soluzioni che possano delineare un percorso lavorativo, in questo momento fortemente problematico.

Il circolo Pd Santhià - Carisio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore