/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | 03 febbraio 2019, 19:37

«Guai a pensare d'essere forti»

SALVALAGGIO: «OGNI PARTITA SI AFFRONTA SOFFRENDO» - SECONDO: «MAL, UN GRANDE... RINFORZO»

Luca Salvalaggio dopo la gara, intervistato da Mattia Mortarotti

Luca Salvalaggio dopo la gara, intervistato da Mattia Mortarotti

«M'è andata bene, perché se mi andava male qualche etichetta, poi, me la sarei portata appresso» dice Luca Salvalaggio, allenatore in seconda della Pro e una vita da stopper (più di 100 gare, 1 gol) proprio nella Carrarese.

«Rispetto alla gara con il Piacenza un paio di occasioni agli avversari le abbiamo lasciate, se Maccarone segnava saremmo qui a raccontare un'altra storia».

E adesso?

«La nostra forza è sempre stata di creare qualcosa sulla base del lavoro e del rispetto. Sappiamo che tutte le partite si debbono affrontare soffrendo, se iniziamo a pensare di essere forti siamo finiti».

L'umiltà in primo luogo, certo.


«Grande prestazione, quattro vittorie, tre delle quali con Piacenza, Arezzo, Carrarese, complimenti ai ragazzi, credo che la vittoria sia meritata, e complimenti a Luca Salvalaggio che ha sostituito Grieco. Aver vinto ci dà fiducia» dice il presidente Secondo.

Poi un sassolino dalla scarpa: «La squadra è in crescita, a quei tifosi, pochi per la verità, che dicono che non ci siamo rinforzati la risposta l'ha data il campo: oggi ha giocato, e bene, Mal, un attaccante che aveva provato da mediano solo con l'Alessandria. Plaudo al coraggio del mister e al ragazzo e dico che ci siamo rinforzati, appunto, con Mal».


Claudio Morra, l'attaccante che ha zittito mezza tifoseria a suon di gol, è di poche parole:

«Non abbiamo mai mollato, sono contento. Questa vittoria è importantissima, sappiamo tutti quanto vale la Carrarese, bravi noi, a giocare corti, ora dobbiamo continuare così e dare il massimo».

rb

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore