/ Attualità

Attualità | mercoledì 09 gennaio 2019, 07:42

Qualità dell'aria e traffico: ecco chi dovrà lasciare l'auto in garage

LE DECISIONI ADOTTATE DALL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI VERCELLI

Qualità dell'aria e traffico: ecco chi dovrà lasciare l'auto in garage

Entrano in vigore da oggi, mercoledì 9 gennaio, le misure per il miglioramento della qualità dell'aria previste dall'"Accordo di programma per l’adozione coordinata e congiunta di misure di risanamento della qualità dell’aria nel bacino padano".

In sintesi, per tutta la rimanente parte dell'inverno, viene vietata la circolazione delle auto inferiori all'Euro 1 diesel e benzina e, fino al 31 marzo, dei motocicli inferiori all'Euro 1.

Sempre fino al 31 marzo, ma solo dal lunedì al venerdì in orario 8,30 - 18,30, dovranno restare in garage anche auto e camion diesel inferiori o uguali all'Euro 2 e, fino al 31 marzo, inferiori o uguali all'Euro 3.

Dopo 4 giorni consecutivi di superamento del valore di 50 microgrammi al metro cubo di pm 10 scatta il blocco, tutti i giorni dalle 8,30 alle 18,30 per le vetture diesel inferiori o uguali all'Euro 4 e, nei giorni di sabato e festivi (stessi orari), per i mezzi commerciali diesel inferiori o uguali all'Euro 3.

Dopo 10 giorni consecutivi di sforamento, dovranno restare in garage anche i mezzi commerciali diesel inferiori o uguali Euro 4 (tutta la settimana dalle 8,30 alle 18,30) e inferiori o uguali all'Euro 3 solo sabato e festivi (ore 8,30 - 18,30).

E' prevista la consueta, ampia, gamma di deroghe (consultabile cliccando QUI).

Altre limitazioni riguardano:

Per allerta di livello Arancione (4 giorni consecutivi di sforamento):
Divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) aventi prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 3 stelle in base alla classificazione ambientale introdotta dal decreto attuativo dell’art. 290 comma 4 del D. L.vo n. 152/2006.

Divieto assoluto, per qualsiasi tipologia (falò rituali, barbecue e fuochi d’artificio a  scopo intrattenimento, ecc.) di combustioni all’aperto.

Introduzione del limite a 19°C (con tolleranza di 2°C) per le temperature medie nelle abitazioni, negli spazi ed esercizi commerciali, negli edifici pubblici fatta eccezione per le strutture sanitarie.

Divieto di spandimento dei liquami zootecnici e, in presenza di divieto regionale, divieto di rilasciare le relative deroghe. Sono assimilati ai liquami zootecnici i digestati tal quali e le frazioni chiarificate dei digestati. Sono tuttavia ammesse in deroga le seguenti tecniche di spandimento: iniezione superficiale (solchi aperti); iniezione profonda (solchi chiusi); sulle sole superfici inerbite (prati avvicendati e permanenti) spandimento a bande, applicando una delle seguenti tecniche: spandimento a raso in strisce; spandimento con scarificazione.

Per allerta di livello Rosso (dieci giorni di sforamenti):
Divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) aventi prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 4 stelle in base alla classificazione ambientale introdotta dal decreto attuativo dell’art. 290 comma 4 del D. L.vo n. 152/2006.

CLICCANDO SULLA FOTO IN BASSO IL RIASSUNTO DEI DIVIETI

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore