/ Politica

Politica | 01 gennaio 2019, 09:41

"Botti, ordinanza non rispettata"

PRIMA POLEMICA DELL'ANNO NEI CONFRONTI DELL'AMMINISTRAZIONE: "QUANTE PATTUGLIE SONO STATE IMPEGNATE NEI CONTROLLI?"

Gian Carlo Locarni, segretario cittadino della Lega

Gian Carlo Locarni, segretario cittadino della Lega

Riceviamo e pubblichiamo.

Restiamo dispiaciuti dal dover sottolineare come l’azione del sindaco di Vercelli tramite ordinanze resti l’ennesima azione aleatoria fine a se stessa. Basti pensare all’ordinanza sul divieto dei botti emanata per capodanno, la quale doveva essere un rafforzativo del già vigente regolamento di polizia municipale, il quale vieta l’uso dei cosiddetti botti all’interno del territorio comunale. Ebbene già nei pomeriggi antecedenti al 31 Dicembre si poteva assistere, come da segnalazioni arrivateci, al non rispetto di tale ordinanza e paradossalmente non in qualche cortile privato o landa periferica, non ne avrebbe sminuito il non corretto rispetto dell’ordinanza stessa, ma per i viali cittadini. Arrivando alla sera del 31 dove tale rafforzativo del, ripetiamo, vigente regolamento di polizia municipale restava totalmente disatteso. Alcuni cittadini ci hanno segnalato addirittura principi di incendio domati sia dai vigili del fuoco in alcuni casi, come potuto constatare anche sulle immagini apparse sui social, che dagli stessi cittadini in quanto fortunatamente di lieve entità. Sarebbe opportuno sapere per il rispetto di tale ordinanza, quante pattuglie della polizia municipale sono state impegnate nel corso della serata del 31 Dicembre e in quali zone della città, perché rimane acclarato che vi erano alcune zone in cui in una precisa fascia oraria si potevano usare i cosiddetti botti ma è altrettanto acclarato che zone semi centrali del territorio vercellese non rientravano in tali permessi. Auspicando che oltre ad emettere ordinanze di difficile attuazione, come i risultati confermano, ci si muova in un percorso educativo atto al rispetto delle regole e del buon vivere non solo per un maggiore senso civico ma anche per evitare inutili danni a cose e persone che potrebbero, sperando che mai avvenga, nuocere alla salute dei propri concittadini, non dimenticando quanto tale “divertimento”  possa risultare deleterio, se non opportunamente confinato in aree apposite, per il benessere degli animali d’affezione presenti in centinaia di case dei nostri concittadini.

Gian Carlo Locarni Segretario cittadino Lega Salvini Premier Vercelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore