/ Arte e Cultura

Arte e Cultura | 23 dicembre 2018, 15:16

"Il dettato dell'immaginazione"

NUOVO LIBRO DI FRANCESCA TINI BRUNZZI (MELVILLE EDIZIONI) - UN VIAGGIO SIMBOLICO ATTORNO AL PENSIERO FEMMINILE

La poetessa Francesca Tini Brunozzi

La poetessa Francesca Tini Brunozzi

È in questi giorni in libreria Il dettato dell'immaginazione, nuovo volume di poesie della scrittrice vercellese Francesca Tini Brunozzi, che, dal 2006 a oggi, ha pubblicato Brevi danze, Frau, Frau e le altre, Mi è testimone la terra, Il grado zero della buona educazione. La nuova opera, in elegante copertina castana, uscita per le senesi Melville Edizioni, è dunque la sesta di un’artista di origini umbre, la quale ama riferire, tra le proprie fonti ispirative. i sonetti del trecentesco Francesco Petrarca e le ottave della contemporanea Patrizia Valduga.

Il testo ha Cantica per sottotitolo, quasi a sottolinearne l'aspetto organico e narrativo, attraverso una fitta serie di componimenti lirici impostati come unicum organico per raccontare, svelare e manifestare la propria condizione esistenziale. Infatti Il dettato dell'immaginazione, forse più dei libri precedenti dell'autrice medesima, si concentra sulla disamina della persona, onde riflettere le questioni dello spirito, non tanto in senso teologico, quanto piuttosto nella forma mentis (o atteggiamento cerebrale).

E si tratta infatti di un viaggio simbolico attorno al pensiero femminile, che acquista persino valenze universali, laddove le indicazioni volutamente sfocata e di episodi concreti lasciati in uno sfondo altrettanto nebbioso, metafisico, lontano, servono alla protagonista per fare chiarezza su di sé e sul mondo circostante appena accennato.

Con Il dettato dell'immaginazione sia quindi di fronte a una linea classica e romantica al tempo stesso della poesia moderna, che di fatto riprendere le domande degli idilli di Giacomo Leopardi per giungere alle risposte degli ossidi seppia di Eugenio Montale: come i due sommi poeti in questione, anche Francesca Tini Brunozzi si interrogano di continuo sull'esperienza di vivere, usando la poesia quale mezzo/medium di ricerca, di scoperta, di osservazione.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore