/ Santhiatese

Santhiatese | 13 novembre 2018, 11:25

Nuovi progetti per i consigli comunali dei ragazzi

TORNANO AL LAVORO I GIOVANISSIMI DI ALICE E BORGO D'ALE

I sindaci dei ragazzi (e quelli veri) di Borgo d'Ale e Alice Castello

I sindaci dei ragazzi (e quelli veri) di Borgo d'Ale e Alice Castello

I Comuni di Alice Castello e di Borgo d’Ale, dopo la positiva esperienza dello scorso anno, ripropongono il “Consiglio Comunale dei Ragazzi” (CCR) congiunto tra i due Comuni. Anche quest’anno animato dell’Associazione Itaca di Vercelli e realizzato presso le scuole medie di Borgo d’Ale, coinvolgendo tutti i ragazzi delle classi prime e seconde, con l’aiuto dei docenti, sempre molto disponibili e motivati.

Lo scorso anno, il CCR, per il Comune di Borgo d’Ale, ha progettato la ristrutturazione del parco dell’acquedotto di via Ivrea, rendendolo adatto alle esigenze dei ragazzi e riqualificandolo. La scorsa primavera sono subito iniziati i lavori di recupero e, entro questa primavera, inizieranno a vedersi i primi risultati. Per il Comune di Alice Castello, invece, i ragazzi hanno progettato un evento che è stato realizzato a fine settembre: una bellissima color run con festa della pizza e tornei sportivi che ha coinvolto tantissime persone.

Qiest’anno, i sindaci Luigi Bondonno e Pier Mauro Andorno, insieme agli assessori Giovanna Giordano e Marco Paniale, chiederanno ai ragazzi di realizzare altri due progetti: per il Comune di Alice Castello dovranno immaginare uno spazio di convivialità nel parco di San Grato, mentre per il Comune di Borgo d’Ale saranno chiamati a proporre un evento all’interno della Festa delle pesche.

Grazie alla disponibilità del dirigente scolastico e degli insegnanti, coordinati da Gabriele Vidano, in questi giorni è stata avviata la prima fase scolastica funzionale all’acquisizione di informazioni utili sulle competenze e il funzionamento di base di un Comune. Proprio per questo, i ragazzi incontreranno i due Sindaci sottoponendo loro un’intervista per conoscere a fondo il loro lavoro.

Successivamente, le classi saranno chiamate a progettare quanto chiesto dai loro Comuni, sperimentando la difficoltà di una scelta condivisa, ed eleggeranno, al loro interno, quattro rappresentanti (due di Alice Castello e due di Borgo d’Ale) che svolgeranno la funzione di portavoce al Consiglio Comunale dei Ragazzi, insieme ai rappresentanti di tutte le altre classi.

Le sedute del CCR avranno luogo in un tempo extrascolastico, sempre guidate dagli operatori di Itaca Gabriele Cortella, Marika De Domenico e Nicolò Lacchio.

Qui, sempre in contatto con i propri elettori, i rappresentanti sceglieranno i progetti definitivi da presentare ai sindaci.

Il “Consiglio Comunale dei Ragazzi” è uno strumento pedagogico volto all’educazione alla cittadinanza, permettendo ai ragazzi di confrontarsi e di gestire la conflittualità nella ricerca di soluzioni che non soddisfino le esigenze dei singoli ma quelle di tutta la collettività di cui si è parte, rendendo in tal modo effettiva la pratica della partecipazione attraverso l’espressione delle proprie idee, esigenze e dei propri desideri, nell’esercizio consapevole dei propri diritti.

Il CCR consente ai giovani cittadini di conoscere l’organizzazione sociale alla quale si appartiene e partecipare alla vita associativa della propria comunità.

Il CCR è il contenitore educativo che consente di integrare la conoscenza e la partecipazione nel momento della gestione del bene comune. Proprio attraverso un’esperienza concreta si acquisiscono conoscenze e si trova la giusta motivazione per partecipare, creando degli automatismi positivi di tipo democratico che costituiscono delle radici culturali che permangono.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore