/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | martedì 06 novembre 2018, 13:36

Trasferta difficile, «senza Morra, purtroppo» dice Grieco

DOMANI ALLE 18 AREZZO-PRO VERCELLI - MAMMARELLA? «SPERO CHE DEBBA RIFIUTARE IL PIU' TARDI POSSIBILE» - «DOBBIAMO AUMENTARE IL MINUTAGGIO DELL'INTENSITA'»

Trasferta difficile, «senza Morra, purtroppo» dice Grieco

Pro Vercelli in partenza per Arezzo. Si gioca mercoledì alle 18, si gioca contro la miglior difesa del campionato di Lega Pro, girone A.

La parola, come di consueto, a mister Grieco.
«L'Arezzo è una signora squadra, ha un credo calcistico, un'identità e anche dei giocatori importanti. Faccio i miei complimenti al loro tecnico, Alessandro Del Canto».

Come sta la Pro? Qualche infortunato?

«Purtroppo non ci sarà Claudio Morra, ha un risentimento muscolare, preferisco non rischiarlo. Due giocatori, invece, rimarranno fuori per scelta tecnica.»

I due non convocati (si saprà dopo la conferenza stampa) sono l'esterno Foglia e il jolly (mediano adattato terzino) Antonio Grillo.

Mister, la Pro Vercelli vista contro il Novara ha giocato 20 minuti da favola: pressing alto sui portatori di palla, sincronismo nelle marcature, concentrazione e intensità. Questi 20 minuti li rivedremo e ancora: potranno diventare di più, più minuti?

«Grazie per il complimento, ma per me i minuti sono stati 45. Il Novara, nel primo tempo, non si è mai affacciato nella nostra porta. Noi insomma, abbiamo giocato un tempo importante, ed è stato ingiusto andare sul pari. Nel secondo tempo diciamo che il Novara ce l'ha fatta pagare. Torno alla domanda: noi dobbiamo migliorare l'intensità, far sì che i 45 minuti ben giocati divengano 60, 70 e, come dico sempre, il merito deve essere di quelli che subentrano».

Mister, l'Arezzo ha la miglior difesa, la Pro ha qualche problema con l'ultimo passaggio. Che cosa bisogna fare?

«Sì, un po' condivido, dobbiamo migliorare nella precisione, ma non esageriamo, perché è anche importante arrivare con frequenza in attacco, quindi l'unica è scrollarci di dosso questa etichetta».

Mister, il miglior giocatore della Pro fino a oggi è stato Carlo Mammarella, che purtroppo non ha vent'anni. Ha pensato alla soluzione alternativa quando Mammarella dovrà tirare un po' il fiato?

Toccherebbe ferro o qualcos'altro, il mister, mentre risponde.«La soluzione ce l'abbiamo, ma noi speriamo che debba rifiatare poi, non prima. Il minutaggio calcistico dovuto all'età? Carlo sopperisce con la sua intelligenza calcisitica».

La staffetta tra i fratelli Gatto può diventare una costante?

«Sono giocatori di qualità, ribadisco quanto ho detto una settimana fa: entrambi non sono ancora al cento per cento».



Remo Bassini

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore