/ Politica

Politica | venerdì 02 novembre 2018, 18:57

"La Tav non va fermata, è un'opera fondamentale per tutto il Piemonte"

ORDINE DEL GIORNO DI PD, CAMBIA VERCELLI, SIAMO VERCELLI E VERCELLI AMICA E GRUPPO MISTO A SOSTEGNO DELL'ALTA VELOCITA'

"La Tav non va fermata, è un'opera fondamentale per tutto il Piemonte"

Pd, Cambia Vercelli, SiAmo Vercelli e Vercelli Amica e Gruppo Misto sono i promotori di un ordine del giorno a sostegno della realizzazione della Tav, in contrasto con quanto approvato nei giorni scorsi dal Consiglio comunale di Torino e in contrasto pure con quello che sembra essere l'orientamento espresso dal Governo.

"La ferrovia Alta Velocità/Alta Capacità (AV/AC) Torino-Lione (TAV) è un’infrastruttura di importanza strategica per la rete europea dei trasporti. Quest’opera rappresenta una grande opportunità di sviluppo economico per il Piemonte, offrendo nuove soluzioni per il trasporto merci e la mobilità dei suoi cittadini  - scrivono i firmatari del documento - Grazie all’attuale linea AV/AC e alle sue interconnessioni con la linea storica Torino-Milano, Vercelli, il Piemonte orientale e l’intera Regione dispongono di un sistema di collegamenti ferroviari che deve poter contare su un adeguato sbocco internazionale sia sull’asse est-ovest verso la Francia e l’Europa che su quello nord-sud con il “terzo valico”, pena il progressivo isolamento del Piemonte".

I consiglieri comunali vercellesi rilevano come "La TAV è un progetto che non riguarda soltanto Torino. Per questo, dopo l’approvazione nei giorni scorsi di un “ordine del giorno” da parte del Consiglio Comunale di Torino che ne chiede la sospensione, è necessario che il Consiglio Comunale di Vercelli esprima il suo parere in merito, così come altre città del Piemonte interessate. Presenteremo quindi un “ordine del giorno” a sostegno della TAV, che potrà poi essere eventualmente condiviso da altri territori, auspicando un’ampia convergenza delle forze politiche su questa e altre iniziative già messe in campo per contrastare la marginalizzazione del Piemonte e scongiurare le ripercussioni economiche e occupazionali negative derivanti da un eventuale blocco della nuova ferrovia ad Alta Velocità/Alta Capacità Torino-Lione".

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore