/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | giovedì 11 ottobre 2018, 10:42

Un uomo in carcere per l'assassinio di Antonello Bessi

ARRESTATO UN PENSIONATO DI 70 ANNI, INDAGATO ANCHE IL FIGLIO

La conferenza stampa in corso in Procura

La conferenza stampa in corso in Procura

Un rompicapo. Con tre, quattro, cinque piste tutte poi naufragate.

Fino al momento in cui si è trovata quella buona.

C'è voluto un mese, ma alla fine la Procura e la squadra Mobile sono arrivati a fermare Giovanni Perini, 70 anni, vercellese di origine meridionale, oggi pensionato, ma in passato operaio. L'uomo ha confessato, seppure in modo confuso e senza fornire il movente, l'omicidio di Antonello Bessi, salvo poi ritrattare davanti al Gip. Perini è stato fermato nei giorni scorsi e da martedì alle 18 è in carcere dopo la convalida del fermo.

L'uomo è stato ripreso da alcune video camere di sorveglianza mentre, in un orario compatibile con l'omicidio, si allontanava in bici dalla zona. Era un amico di Antonello Bessi, uno dei pochi che, veramente, potevano dirsi vicini alla vittima, pure molto conosciuta in città ma solo in modo superficiale.

Il movente, per ora, resta oscuro, così come non è stato trovato il coltello con cui avrebbe ucciso il ciclista: Perini prima si è addossato la colpa dell'omicidio, ma in modo confuso e con alcune incongruenze, e successivamente ha ritrattato, così come ha fatto davanti al gip. A casa dell'uomo le forze dell'ordine hanno sequestrato gli indumenti che probabilmente indossava il giorno dell'omicidio, disponendo accertamenti tecnici, esegiti dai tecnici della scientifica di Vercelli e Torino. L'ipotesi è che l'omicidio sia nato dopo un litigio e che, all'origine della viccenda, ci sia una questione di soldi. Denaro che Bessi avrebbe dato all'uomo o al figlio dello stesso, per versare l'anticipo di un'auto: poco più di 2000 euro che, nel pomeriggio del delitto, sono effettivamente stati versati come caparra per un'auto usata. L'indagine, comunque, prosegue per chiarire i molti punti ancora oscuri della vicenda.

Al momento è indagato per concorso anche il figlio, residente nel milanese: avrebbe ricevuto la confessione del padre, senza avvertire però le forze dell'ordine.

(notizia in aggiornamento)

fr

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore