/ Attualità

Attualità | lunedì 27 agosto 2018, 17:51

Tumori e incidenti stradali: a Vercelli numeri da paura

ECCO COSA DICONO LE MAPPE PROVINCIALI SULLE CAUSE DI MORTE ELABORATE SULLA BASE DEI DATI ISTAT

Tumori e incidenti stradali: a Vercelli numeri da paura

Il tema è di quelli che portano i superstiziosi a compiere gli scongiuri di rito. Tra gli indicatori del benessere equo e sostenibile dei territori, Istat ha inserito anche alcune tavole dedicate alle cause di morte suddivise in base all'età.

Una mappa che, provincia per provincia, rende possibile confrontare gli indici relativi a malattie, incidenti, mortalità infantile e così via.In particolare, oltre alla mortalità infantile, vengono presi in considerazione gli indici di mortalità relativi agli incidenti stradali per la fascia più giovane della popolazione, al cancro per gli adulti e alla demenza senile tra gli over 65.

E Vercelli parte con alcuni pessimi record.

INCIDENTI STRADALI Nel 2016 la provincia ha il più alto indice italiano di morti a causa di incidenti stradali tra le persone di età compresa nella fascia 15-34 anni: 2,6 ogni 10mila abitanti a fronte di una media nazionale di 0,7 morti ogni 10mila abitanti.

TUMORI Qui i dati sono relativi al 2014 e sono ancora più preoccupanti. Vercelli è al primo posto in Piemonte e praticamente seconda in Italia con indici di mortalità di poco inferiori a quelli delle zone della Campania conosciute come Terra dei Fuochi (e alla zona sarda dell'Iglesiente). Nella nostra provincia sono morti di tumore tra i 20 e i 64 anni sono stati 10,8 ogni 10mila abitanti. In provincia di Napoli, il dato è di 11,4.

DEMENZA SENILE In linea generale è nel Nord Italia che si concentrano i territori con un’incidenza di decessi legati a queste patologie superiori a quella nazionale. E anche in questo caso la provincia di Vercelli svetta tra le piemontesi. Nel 2014 i morti over 65 anni per demenza senile e altre malattie del sistema nervoso sono stati 34,20 ogni 10mila abitanti a fronte di una media nazionale di 27,9. In questo caso, in Piemonte, lo scostamento più marcato dalla media nazionale è quello di Cuneo (38); Vercelli è al secondo posto.

MORTALITA' NEONATALE E' l'unico dato che si colloca sotto la media nazionale. Nel 2014 in provincia di Vercelli sono morti 2,4 bambini ogni mille nati vivi.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore