/ Politica

Politica | 22 agosto 2018, 11:50

Emergenze stradali (ponti, guard rail, segnaletica): «Basta con le promesse»

IL PRESIDENTE RIVA VERCELLOTTI TUONA CONTRO REGIONE E MINISTERO: «NOI SIAMO PRONTI, CHE SBLOCCHINO I FONDI PROMESSI»

Emergenze stradali (ponti, guard rail, segnaletica): «Basta con le promesse»

“C’è urgenza di partire con i lavori: Ministero e Regione sblocchino i fondi promessi. Due anni fa ci hanno promesso dei fondi, abbiamo progetti cantierabili già dalla prossima settimana per più di tre milioni di euro ma Ministero e Regione, inspiegabilmente, non ci autorizzano a partire.

Lo denuncia il Presidente della Provincia, Carlo Riva Vercellotti, in riferimento ai 45 milioni assegnati dal Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) alle Province piemontesi, per il tramite della Regione, nell’autunno del 2016 ed ancora bloccati nell’iter burocratico tra Regione e Ministero.

Le Province piemontesi, autoconvocatesi già nel giugno 2017, hanno ripartito le risorse, hanno più volte sollecitato la Regione ad accelerare l’iter, hanno sottoscritto lo schema di convenzione che la Regione aveva sottoposto loro nel maggio scorso ed ora sono in attesa del via libera a partire.

“Siamo alle solite: la Regione scarica sul Ministero e il Ministero sulla Regione, ma cosa hanno combinato in tutto questo tempo? Due anni che potevano e dovevano essere due mesi e ora obbligarci ad aspettare un altro lungo inverno senza poter intervenire è da pazzi dopo quello che è avvenuto a Genova”.

Questo è il motivo che ha portato Riva Vercellotti a scrivere, dopo i recenti incontri avuti a Torino e Roma, direttamente ai titolari del Ministero delle Infrastrutture, il Ministro Toninelli, e della Regione, Sergio Chiamparino.

“Il Ministro - continua Riva Vercellotti - deve solo interrompere i suoi annunci, dedicarci 10 minuti e dare l’input di sbloccare i fondi senza aspettare altri mesi. Ci hanno dato l’elemosina due anni fa, hanno dormito, continuano a dormire, si sveglino!”.

Le risorse, che per Vercelli ammontano a 3,2 milioni di euro, in un momento di enorme difficoltà, non sono sufficienti a esaudire le reali necessità ma servono a tamponare le situazioni di emergenza su ponti, asfalti, versanti di montagna, guard rail, segnaletica, tutti interventi che si rendono necessari prima della stagione invernale.

“Siamo pronti ad ogni iniziativa eclatante - conclude Riva Vercellotti - ne abbiamo basta di promesse e proclami sempre puntualmente disattesi”.

REDAZ

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore