/ Cronaca

Cronaca | sabato 18 agosto 2018, 15:56

"Addio Roberto, ci hai aiutati a diventare adulti"

SCOUT DI IERI E DI OGGI (E TANTI AMICI) DICONO ADDIO A LADETTO, MORTO A 66 ANNI

"Oggi ci ha lasciato Roberto, capo scout che i suoi lupetti, ormai grandi, ricordano come un capo tenace e sempre pronto". E' con una serie di toccanti ricordi, pubblicati sulla pagina Facebook dello scoutismo vercellese, che tanti amici ricordano Roberto Ladetto, geometra vercellese di 66 anni, morto all'ospedale Sant'Andrea.

Apprezzato nell'attività professionale di consulente aziendale (si occupava di certificazioni di qualità per molte imprese) e ricordato dagli amici come "uomo saggio colto e profondo, che ha fatto della comprensione, in ogni sua forma, la sua forza", Ladetto era stato fin da ragazzo, coinvolto nel grande movimento dello scoutismo. Nel gruppo del Vercelli 5 era stato, fino a metà degli anni '90, Capo Branco (seguendo i bambini tra gli 8 e gli 11 anni), insieme a Carlo Pagliazzo e poi a Gianni Pretta. E molti dei suoi ragazzi, oggi diventati adulti, hanno ricordato con affetto "Bagheera", che offrendo loro tempo, opportunità di gioco e di crescita, saggezza, li ha aiutati a diventare gli uomini e le donne che sono oggi.

Negli ultimi anni aveva dovuto affrontare gravi problemi di salute che lo avevano costretto a lasciare il lavoro e mettersi in pensione, per dedicarsi, per lo più allo studio.

Roberto Ladetto lascia la moglie Misa, e la figlia Serena con Marco (Marco Miglietta, addetto stampa dell'Lg Trino e "voce" delle radiocronache della Pro per Radiocity, ndr.). I funerali saranno celebrati lunedì alle 11,30 nella chiesa di Billiemme, mentre il rosario sarà recitato domenica, alle 16, nella camera ardente dell'ospedale Sant’Andrea. 

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore