/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | martedì 03 luglio 2018, 16:55

Per adesso è una Pro misteriosa

PRESENTAZIONE DEL TECNICO VITO GRIECO - VERSO IL RILANCIO DEL PORTIERE NOBILE - I VECCHI? IN TEORIA POSSONO PARTIRE TUTTI

Partiamo dalle poche certezze.

Vito Grieco sarà dunque il tecnico della Pro Vercelli annata 2018-2019.

Nobile sarà il portiere della nuova squadra.

Iezzi (laterale basso di fascia), De Marino (centrale di difesa), Della Morte (esterno offensivo), Sangiorgi (mediano o mezzala), Foglia (trequartista), Gerbi (centravanti) sono i sei giovani che completeranno la rosa.

Passiamo al confine tra ciò che è certo e ciò che non permette di capire molto.

Dal momento che tutti i giocatori della passata stagione hanno richieste, di incedibile non c'è nessuno. Grieco ha chiesto la conferma di 5, 6 elementi, «uno per reparto» ha detto, la Società cercherà di accontentarlo.

Con un esercizio di pura fantasia possiamo ipotizzare che i giocatori che potrebbero indossare la casacca della Pro quest'anno possano essere Mammarella (che piace anche al presidente), Polidori (che con Grassadonia non ha trovato spazio), Da Silva (adatto al gioco di Greco), Gozzi (in C sarebbe un ottimo centrale), Gatto (Greco predilige un gioco con quattro esterni). Vedremo.

Ma teoricamente potrebbero essere ceduti tutti, è stato detto.
Hanno tutti mercato. «Significa che non è da buttare tutto della passata stagione» ha detto Varini.


C'è dell'altro che bolle in pentola, e non sappiamo dire se è positivo o meno. Ci sono almeno tre gruppi che sono interessati all'acquisto della Pro Vercelli e che potrebbero anche rilevarla, ha spiegato il presidente Massimo Secondo.

Gruppi che non sono perplessi sulla Pro Vercelli, niente affatto. «Sono perplessi sul mondo del calcio, il campionato di serie B appena concluso è stato uno dei più irregolari della storia» ha detto ancora il presidente.


«Fino a quando non ci sarà il cambio con altri, io comunque resto presidente di questa squadra e cercherò di farlo nel modo migliore. Ci siamo confrontati con Varini e Greco, sanno bene che squadra voglio. Una squadra arrabbiata, aggressiva, che lotti innanzitutto per non prendere gol, i gol e il bel gioco ben vengano, ma prima si lotta per lo 0 a 0» ha detto Secondo.


Varini e Greco si conoscono da una vita, Varini quindi, stuzzicato da alcuni giornalisti, ha toccato il tasto Grassadonia, ma non solo.

«Mi sono trovato bene con Scazzola quando sono arrivato. Con Foscarini abbiamo discusso, ma è normale. E con Moreno Longo ha avuto un ottimo rapporto. Con Grassadonia no, mi considerava il nemico, e badate bene che non ho mai interferito né mai interferirò sulla squadra che deve essere schierata.»


La parola, infine, al nuovo allenatore Vito Grieco. Classe 1972, una vita da mediano prima di allenare.

«La C è un campionato difficile, tante squadre giocano dietro la linea della palla. Ma sono fiducioso, anzi sono contento e non vedo l'ora di iniziare. Credo nel gruppo e credo nei ragazzi che porterò in prima squadra, li ho avuti nella Primavera, conosco bene le loro potenzialità. Tecnici a cui mi ispiro? Ho avuto a che fare con Colantuomo, Gasperini... ma l'allenatore che mi ha cambiato la vita è stato Alessandro Pane».

Ritrovo dei giocatori il giorno 10 luglio. Primo allenamento il mattino dell'11, al Piola.

Sapremo qualcosa di più, allora.

Remo Bassini

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore