/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | lunedì 11 giugno 2018, 13:33

Pro Vercelli e ripescaggi: facciamo un po' di chiarezza

VI SPIEGHIAMO PERCHE' DOBBIAMO TIFARE PER IL SIENA

Pro Vercelli e ripescaggi: facciamo un po' di chiarezza

Con i playoff di Serie B e di Lega Pro che stanno volgendo al termine lo sguardo e la speranza dei tifosi vercellesi è rivolto al possibile ripescaggio in Serie B dovuto al fallimento di alcune società, su tutte il Bari senza però dimenticare Foggia e Cesena, che versano in condizioni non certo positive.

Nel caso in cui entro il 30 giugno questi club non fossero in regola verrebbero escluse dalla Serie B e rimpiazzate da altre società retrocesse dalla B o non promosse dalla C.

Per decidere la graduatoria di ripescaggio la FIGC ha stabilito dei criteri che tengano in considerazione del piazzamento nell’ultima stagione, della storia sportiva della città e del pubblico nelle ultime cinque stagioni esclusa però l’ultima.

Per ciascuna voce si stila una classifica dalla prima alla cinquantunesima assegnando 51 punti a quella con più punti e 1 a quella con meno. Le tre voci hanno però peso diverso: la classifica dell’ultima stagione infatti vale per il 50% (il punteggio ottenuto va poi moltiplicato per 0,5) mentre storia e pubblico valgono al 25% (i punteggi vanno moltiplicati per 0,25).

Il sistema è sicuramente cervellotico e riserva, come già accaduto quattro anni fa, alcune sorprese. Per capire quanto le speranze vercellesi siano giustificate abbiamo preso metaforicamente carta e penna e abbiamo provato a calcolare la classifica di ripescaggio.

Siamo partiti dall’ultima stagione dove la Pro Vercelli occupa, ovviamente, la terza posizione con 24,5 punti contro i 25 del Novara e i 25,5 dell’Entella.

Queste le prime dieci posizioni per questa voce:

Fin qui tutto facile e scontato è stato sufficiente ordinare le società di Serie B in base alla classifica e calcolare la media punti per le società di Serie C e ordinarle in base al piazzamento finale nei PlayOff.

Veniamo alla seconda voce: la storia calcistica. Per fare questo ci siamo aiutati con Wikipedia e siamo andati ad assegnare, come da regolamento, un punteggio diverso per ogni campionato disputato in Serie A, B, C1 e C2, per ogni scudetto vinto e per ogni Coppa Italia vinta. Abbiamo stilato una classifica e anche in questo caso abbiamo assegnato i punti da 51 a 1 moltiplicandoli poi per 0,25 e questo è stato il risultato:

In questa speciale classifica però, nonostante i 7 scudetti (che per i criteri FIGC vale come un campionato di Serie C) la Pro Vercelli paga la lontananza dalla B durata troppo tempo e i tanti campionati di C2. Tra A, B e C1, infatti, la Pro Vercelli ha disputato 39 campionati. Lontanissima da società come Vicenza (82), Catania e Reggiana (75), Monza (73), ma anche Siena e Cosenza (61), Catanzaro (58) e Ternana (56).

Veniamo ora alla terza voce, quella relativa al pubblico. Qui va fatta una premessa: i dati relativi alla media di spettatori sono ufficiali e facilmente reperibili quelli relativi ai campionati professionistici, mentre più complesso è risalire al dato della media spettatori in Serie D. Noi ci abbiamo provato e, anche in caso di qualche piccolo errore su quelle relative alla Serie D, visti gli scarti in ballo la classifica non dovrebbe variare.

Ecco la terza e ultima voce, anche questa moltiplicata per 0,25.

Dal 2012-13 al 2016-17 la media degli spettatori al Piola è stata di 2.513,8. Tralasciando le “potenze” Catania (11.045) e Vicenza (7075,4) la Pro sarebbe dietro a società come Siena (4932), Ternana (4725), Trapani (4673), Novara (4579), Reggiana (3831), ma anche Reggina, Sambenedettese, Matera e Catanzaro e precederebbe di un soffio il Cosenza.

Ora, andiamo a sommare le tre voci e a stilare la classifica completa:

Da questa classifica vanno ora depennate quelle società che abbiano subito penalizzazioni per irregolarità finanziarie (ultime 3 stagioni), per illecito sportivo o calcio scommesse (ultime 2 stagioni), che siano state ripescate in qualsiasi campionato professionistico negli ultimi 5 anni oppure siano fallite usufruendo del cosiddetto “Lodo Petrucci” nelle ultime 3 stagioni.

Dunque saltano subito Novara (penalizzata 3 anni fa) e Catania (Penalizzata 2 anni fa) oltre ovviamente a Pisa (penalizzato due anni fa) e Sambenedettese (penalizzata un anno fa).

Al netto delle esclusioni la graduatoria dovrebbe dunque essere la seguente:

Dunque, se i nostri calcoli sono corretti, la Pro sarebbe in quarta posizione in caso di promozione del Cosenza e in terza posizione in caso di promozione del Siena.

I tifosi bicciolani non resta dunque che tifare Siena nella finale di sabato e sperare che tutte e tre le società zoppicanti non riescano ad iscriversi. Ipotesi remota, ma non certo impossibile.

Matteo Romano

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore