/ Cronaca

Cronaca | 04 maggio 2018, 19:38

Processo Korczack: ecco le condanne richieste

UDIENZA FIUME PER LE ACCUSE DI MALTRATTAMENTI ALLA SCUOLA MATERNA

Processo Korczack: ecco le condanne richieste

Pene complessive per otto anni di carcere. E' quanto chiesto dal pubblico ministero Davide Pretti al termine della requisitoria nei confronti di tre delle maestre della scuola materna Korczak finite a processo nell'ambito dell'inchiesta "Tutti giù per terra".

Le richieste più pesanti - 3 anni e 6 mesi di carcere - sono state avanzate per Maria Teresa Donà e Carmelina Capalbo che dovevano rispondere di maltrattamenti aggravati, sequestro di persona e abbandono di minore; un anno per Ida Rosato, ex fiduciaria dell'istituto, accusata di favoreggiamento per aver negato, nel corso dell'interrogatorio, di aver ricevuto dai genitori segnalazioni di maltrattamenti nei confronti dei figli.

E' stata invece stralciata per un motivo procedurale la posizione della quarta insegnante a processo, Luisita Cantù, che verrà giudicata con rito immediato e dovrà comparire davanti al Tribunale in una data da definire breve.

Prima della requisitoria del pubblico ministero, una delle insegnanti, Maria Teresa Donà, aveva chiesto di essere interrogata, fornendo una propria versione dei fatti, nella quale ha anche ribadito di non aver mai ricevuto lamentele da parte dei genitori per il comportamento tenuto in classe.

Nell'udienza fiume tenuta davanti al giudice Giovanni Campese hanno avuto la possibilità di parlare solo alcuni degli avvocati delle oltre 20 parti civili ammesse: si proseguirà il 18 maggio, quando sono previsti anche gli interventi degli avvocati difensori. Intanto, anche Donà e Capalbo, dopo sei mesi di arresti domiciliari, sono tornate in libertà: nel pomeriggio di giovedì, infatti, il giudice ha revocato la misura cautelare che era stata disposta a novembre, all'inizio dell'inchiesta.

(notizia in aggiornamento)

fr

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore