/ Cronaca

Cronaca | 19 aprile 2018, 09:23

In manette il truffatore di sacerdoti

ARRESTATO AD AOSTA DOPO AVER COLPITO NEL VERCELLESE

In manette il truffatore di sacerdoti

Una prima volta si è spacciato per per un medico di Verres; in seguito per addetto di un'associazione benefica. Con questi stratagemmi Luigi Manzato, 58 anni, residente a Casale Monferrato e originario di Portogruaro (Venezia), ha truffato il parroco di Montjovet, facendosi consegnare dal sacerdote due assegni per 1.300 euro che poi, prima di incassare, ha alterato, aumentando la somma. Truffe che l'uomo aveva già commesso anche in passato, colpendo in diverse zone, compresa Vercelli e Roasio. Quando i sacerdoti si sono accorti che la somma incassata dall'uomo era superiore all'importo dell'assegno, il danno era ormai fatto.

Su richiesta del pm Carlo Introvigne, il gip del tribunale di Aosta ha disposto gli arresti domiciliari nei confronti dell'uomo, accusato di  truffa pluriaggravata, falsificazione di titoli di credito e sostituzione di persona.

Nel primo caso, il 2 settembre 2017, era andato lo stesso Manzato a ritirare l'assegno (fingendosi un malato bisognoso di cure costose); circa dieci giorni dopo aveva mandato una donna non identificata (che ha finto di avere problemi economici e di avere necessità di un costoso intervento chirurgico in Svizzera).

L'uomo è indagato per truffa aggravata (per averla commessa contro un ministro del culto cattolico ultraottantenne) e per falsità in titoli di credito, in quanto avrebbe alterato i due assegni (da 600 a 1.600 euro e 700 a 2.700) in modo da incassare effettivamente 4.300 euro.

dal nostro corrispondente ad Aosta

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore