/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | lunedì 16 aprile 2018, 18:33

Grassadonia: "Da ora in poi sono tutti spareggi"

VERSO PRO VERCELLI - PESCARA: "I PUNTI DI DOMANI SONO FONDAMENTALI. CON L'EMPOLI ABBIAMO REAGITO A TRE ERRORI INDIVIDUALI DIMOSTRANDO DI POTER RESTARE IN GARA PER TUTTA LA PARTITA"

Grassadonia: "Da ora in poi sono tutti spareggi"

Partita decisiva, quella contro il Pescara, in programma martedì sera al Piola. "Ma anche se affrontassimo il Milan sarebbe una partita da vincere: da qui alla fine tutte le partite sono spareggi", dice mister Gianuca Grassadonia in una conferenza stampa pre partita, in cui di pre c'è poco.

La lista dei convocati arriverà domani, dopo l'ultimo allenamento: "Con il Pescara abbiamo bisogno di esperienza, personalità ma anche di freschezza - è l'unica anticipazione del mister -. Qualcuno ha ancora qualche problemino. I ragazzi hanno speso tanto contro l'Empoli e ci sono da considerare diverse componenti per la partita di domani sera. Qualcuno è ancora in difficoltà e cercheremo di recuperarlo almeno per la panchina. Diramerò la lista dei convocati solo dopo l'allenamento di domani".

Di una cosa però Grassadonia è certo: "La squadra è viva, ci crede, nonostante non si vinca da tanto tempo. Lo abbiamo dimostrato anche sabato ad Empoli, restando in partita fino alla fine, mettendoci il cuore. Siamo stanchi dei complimenti, sinceramente vorremmo iniziare a far punti. Punti che domani sono fondamentali. I ragazzi ci credono, mettono tutto l'impegno. Oggi siamo stati in campo due ore perché siamo convinti, lavoriamo bene e con determinazione: una squadra che si è arresa non lavora così".

L'obiettivo è trovare i tre punti che possano riaccendere la speranza. in un anno che sembra maledetto anche dalla sfortuna. "Purtroppo a Empoli ci sono stati molti errori da un punto di vista individuale che ci hanno complicato la vita - dice il mister -, ma se avessimo pareggiato al 94' sarebbe stato importante per il morale. In campo, a Empoli, ho fatto i complimenti ai ragazzi: quando prendi un palo così al 94', ti sembra che sia un anno maledetto, però abbiamo sofferto, abbiamo cercato di restare in partita, nonostante il gol di Luperto che avrebbe ammazzato un toro e siamo stati vicini a un pareggio che avrebbe fatto tanto dal punto di vista morale, oltre a darci un punticino che io mi sarei comunque preso".

 

"Ora la classifica è brutta ma la voglia di uscire da questa brutta situazione ce l'abbiamo - fa notare Grassadonia -. E' chiaro che se sei ultimo qualche problema ce l'hai, magari dal puto di vista della concentrazione, della cattiveria o della determinazione al momento giusto".

Della trasferta toscana, comunque, resta anche la buona prova di Bifulco: "Si è fatto trovare pronto, sapevamo che potesse creare delle difficoltà e così è stato".

E Rovini? "Deve essere bravo a scavare, a lottare, a trovarsi lo spazio come ha fatto Bifulco - dice Grassadonia -. Rovini ha fatto una buona partita a Foggia, mentre a Perugia e con l'Empoli non è riuscito a entrare in partita, ma non è semplice per un ragazzo alla prima esperienza. Può soffrire la fisicità di alcuni calciatori, ma sono convinto che, se verrà chiamato in causa, il suo apporto lo saprà dare".

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore