/ Cronaca

Cronaca | 15 marzo 2018, 12:18

Notte agitata al Carrefour h24: in arresto madre e figlio

SPINTONI ALLA GUARDIA GIURATA, BOTTE E INSULTI AI CARABINIERI INTERVENUTI

Notte agitata al Carrefour h24: in arresto madre e figlio

Il figlio cerca di rubare una bottiglia di superalcolici dagli scaffali del Carrefour Market h24; la madre, quando vede che gli uomini del nucleo Radiomobile stanno per portarlo in caserma, si avventa contro i carabinieri e inveisce a suon di botte e insulti.

Madre e figlio, vigevanesi, sono finiti in manette, la scorsa notte: ad allertare i carabinieri, poco prima della mezzanotte di lunedì è stata una guardia giurata che aveva sorpreso il 22enne mentre cercava di allontanarsi dal supermercato dopo aver superato la barriera delle casse, nascondendo qualcosa sotto al giubbotto.

Il giovane, nel tentativo di sfuggire alla guardia giurata, strattonava ripetutamente l'operatore e veniva definitivamente bloccato solo all’arrivo dei militari che, dopo averlo perquisito, lo hanno trovato in possesso di una bottiglia di superalcolico sottratta dagli scaffali del supermercato.

Mentre i carabinieri stavano facendo salire il giovane sull’auto di servizio per condurlo in caserma, si è improvvisamente avvicinata a loro la madre, in evidente stato di alterazione da uso di bevande alcoliche, e ha iniziato a insultare minacciare gli operanti insieme al figlio, dimenandosi e sferrando loro calci e pugni che hanno causato ad uno dei militari lievi lesioni.

A questo punto, madre e figlio, non senza fatica, sono stati condotti nella caserma di via Vinci dove, a conclusione delle previste formalità sono stati arrestati. Infine, entrambi sono stati associati alla Casa Circondariale di Vercelli, a disposizione dell’autorità ciudiziaria.

Entrambi erano già noti alle forze dell'ordine: il figlio M.R., 22enne, perché gravato da vicende penali per reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti; sua madre N.M., 50enne, per vicende penali per reati contro il patrimonio: la donna dovrà rispondere di violenza, minaccia, resistenza, oltraggio e lesioni a pubblico ufficiale; il figlio di rapina, violenza, minaccia, resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore