/ Spettacoli

Spettacoli | giovedì 22 febbraio 2018, 13:44

"Becco di rame", una favola sulla diversità

TEATRO PER FAMIGLIE, DOMENICA, TRA LE PROPOSTE DELLA STAGIONE DI PROSA

"Becco di rame", una favola sulla diversità

Debutta la nuova produzione del Teatro del Buratto con lo spettacolo Becco di Rame, tratto dal libro omonimo di Alberto Briganti, in scena il 25 febbraio al Teatro Civico di Vercelli. Lo spettacolo tratta il tema della diversità e dell’importanza di essere accolti nonostante una fisicità diversa da quelle ritenute “normali”.

Becco di Rame esiste davvero, è un’oca tolosa maschio di 8 chili che vive in una fattoria di un paese della campagna toscana. Ancora cucciolo, è da Gisella che viene comprato al mercato e cresciuto con amore e cura; ma una notte, a seguito di una furiosa lotta con una volpe per proteggere l’aia e il pollaio, l’oca perde la parte superiore del becco. È un veterinario a prendersi a cuore la vicenda, il dottor Briganti appunto, che decide di applicare all’animale, una protesi di rame che gli consentirà di continuare ad avere una vita normale.

“Quando abbiamo scoperto questa storia, abbiamo sentito subito il desiderio di farne uno spettacolo. Crediamo non ci sia cosa migliore che raccontare la realtà attraverso la poesia propria del teatro dedicato all’ infanzia” racconta la compagnia, che attraverso il linguaggio dei pupazzi e di una particolare tecnica di teatro di figura riesce nell’intento di rendere tridimensionali le sensibilità e i sentimenti dei personaggi raccontati.

Lo spettacolo, tratto dal libro di Alberto Briganti va in scena domenica alle 16,30. L'adattamento drammaturgico è di Ira Rubini, ideazione e messa in scena Jolanda Cappi, Giusy Colucci, Nadia Milani, Matteo Moglianesi, Serena Crocco; musiche originali Andrea Ferrario in scena Nadia Milani, Matteo Moglianesi, Serena Crocco. Prevendite da Dosio Music di via Verdi e al Botteghino un'ora prima dell'inizio dello spettacolo.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore