/ Arte e Cultura

Arte e Cultura | 18 gennaio 2018, 09:08

L'uomo che sognava di diventare l'Hitler della Francia

OGGI' IN BIBLIOTECA (ORE 18,30 IN VIA G.FERRARIS) PRESENTAZIONE DEL LIBRO INCHIESTA DI MASSIMO NOVELLI: MARCEL DEAT, IL FANTASMA DI VICHY

L'uomo che sognava di diventare l'Hitler della Francia

Il libro, che si intitola “Marcel Déat, il fantasma di Vichy”, potrebbe avere tanti altri titoli, intriganti e veri. Per esempio “Marcel Déat, l'uomo che sognò di diventare l'Hitler della Francia” oppure, più semplicemente “Il mistero Déat”.

Fantasma di Vichy, aspirante fuhrer, mistero italiano del dopoguerra sono comunque i temi su cui ha lavorato Massimo Novelli, giornalista, scrittore e storico, per più di vent'anni firma di prestigio di Repubblica, oggi firma de Il fatto quotidiano e del Mattino di Napoli.

Il libro-indagine di Novelli copre un arco temporale che va dall'aprile del 1947 al gennaio del 1955. Sono gli anni in cui gli italiani andavano in 600 e votavano Dc e Pci, sono gli anni in cui Marcel Déat, il leader fascista francese condannato a morte nel suo Paese per collaborazionismo con i tedeschi, insieme alla moglie Helene, visse indisturbato in Italia e in particolare (per otto anni) a Torino.
Singolare il fatto che i giornali, italiani e stranieri, seppero della morte di Déat soltanto tre mesi dopo.
Lavorando negli archivi e rivedendo i giornali dell'epoca Massimo Novelli ci regala un libro di storia, ma scritto come un romanzo, e fa un po' di luce sul mistero Dèat.

E comunque: l'uomo che fu tra i massimi responsabili della deportazione di migliaia di lavoratori del suo Paese, l'uomo che aveva sognato di diventare l'Hitler della Francia riuscì a non pagare mai il debito con la giustizia.


Il libro “Marcel Dèat, il fantasma di Vichy” di Massimo Novelli, arabAFenice editore (140 pagine, 14 euro) verrà presentato giovedì 18 alle ore 18,30. Dialogherà con Massimo Noveli, Remo Bassini, direttore di Infovercelli24, la testata on line che, insieme al Comune di Vercelli, organizza l'incontro.


rb

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore