/ Economia

Economia | domenica 14 gennaio 2018, 10:43

Enogastronomia di qualità: l'anno della rivincita dei piccoli centri

NEL VERCELLESE E NEL BIELLESE, DIECI DOP E IGP, PIU' VARIE DOC E DOCG CONQUISTANO IL MERCATO

La tradizione gastronomica italiana è una delle componenti più identitarie della nostra cultura  e, come è emerso dallo studio Coldiretti/Symbola su “Piccoli comuni e tipicità” presentato ieri dalla Coldiretti a Roma, in occasione dell’apertura dell’anno nazionale del cibo italiano nel mondo, il 92% delle produzioni tipiche nazionali nasce nei comuni italiani con meno di cinquemila abitanti.

Il Piemonte con la pole position nella classifica dei piccoli Comuni - con più di mille borghi e 23 specialità tra Dop e Igp - vanta un patrimonio straordinario di saperi, tradizioni ed eccellenze alimentari, che si riflettono in particolare nel territorio delle nostre due province.

Un vero e proprio “tesoro” da scoprire, infatti, anche nel Vercellese e Biellese: nei 152 piccoli comuni con meno di 5.000 abitanti (79 in provincia di Vercelli e 73 in provincia di Biella), vengono alla luce produzioni eccellenti: 10 delle quali Dop e Igp, partendo dalle Dop Riso di Baraggia fino alla Toma Piemontese, senza contare i numerosi vini a denominazione di origine.

“I nostri piccoli Comuni rappresentano la stragrande maggioranza del totale delle amministrazioni locali (le realtà comunali sotto i 5.000 abitanti rappresentano oltre il 92% del totale in provincia di Biella, e oltre il 91% in quella di Vercelli) . Essi formano una rete diffusa e capillare, che si spinge dalla pianura alla montagna, e dove il senso di comunità si allea con l’appartenenza territoriale e la custodia di valori e cultura come quella del cibo e dei prodotti tipici” sottolinea il presidente della Coldiretti interprovinciale Paolo Dellarole.

“I piccoli comuni sono meta di un numero crescente di turisti che vanno alla ricerca del gusto, delle tradizioni locali e delle specialità culinarie. Su questo fronte, Coldiretti è particolarmente attiva anche grazie alla presenza degli agriturismi e delle imprese della rete di Campagna Amica, che scelgono di aprire le proprie porte al pubblico; anche sul fronte didattico, la Coldiretti interprovinciale si è spesa in prima persona affinchè gli itinerari rurali del vercellese fossero inseriti nei più importanti circuiti di proposte di visite studio dirette alle scuole di tutta Italia”.     <wbr></wbr>                        

Il patrimonio agroalimentare che oggi distingue i nostri territori “si è conservato nel tempo grazie al lavoro e all’impegno costante dei nostri imprenditori che hanno saputo mantenere le tradizioni alimentari e salvaguardare i territori.

L’enogastronomia in queste aree, oltretutto, offre opportunità lavorative e sono diversi i giovani che hanno deciso di non abbandonare gli antichi borghi. La nuova legge rappresenta il riconoscimento anche giuridico del valore economico, sociale ed ambientale dei piccoli comuni che, nell’anno dedicato al cibo italiano nel mondo, si aprono al turismo”.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore