/ Cronaca

Cronaca | giovedì 07 dicembre 2017, 09:29

Salvarono un uomo lungo la linea dell'alta velocità: agenti Polfer ricevuti dal Papa

VISITA A ROMA IN OCCASIONE DELL'ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO

Nell’ambito degli eventi organizzati per il 110° anniversario della fondazione della Polizia Ferroviaria, si è svolta un’udienza del Santo Padre nella Città del Vaticano presso la Sala Clementina. All’evento hanno partecipato i massimi vertici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, il Capo della Polizia Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Prefetto Franco Gabrielli, il Direttore Centrale delle Specialità della Polizia di Stato Prefetto Roberto Sgalla e il Direttore del Servizio Polizia Ferroviaria Dott. Armando Nanei.

Tutti i Compartimenti di Polizia Ferroviaria hanno preso parte con una rappresentanza del proprio personale selezionato per aver condotto operazioni di salvataggio in servizio.

In rappresentanza del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Piemonte e la Valle D’Aosta erano presenti il responsabile del Posto Polfer di Santhià Ispettore Antonio Fontanazza e l’assistete capo Federico, distintisi in un brillante intervento effettuato lungo la linea Alta Velocità, il 19 settembre scorso.

Un automobilista che percorreva la tratta autostradale Torino - Milano segnalava la presenza di una persona che camminava lungo la linea ferroviaria, adiacente alla strada, in località Cigliano. Gli operatori repentinamente recatisi sul posto e allertate le ferrovie per le prescrizioni del caso sulla marcia dei treni in quella tratta, individuavano la persona straniera che camminava sui binari e che, alla vista degli agenti, tentava una fuga. La prontezza e la professionalità del personale Polfer consentiva di trarre al di fuori dei binari l'uomo, un cittadino marocchino 26enne, sprovvisto di documenti e in evidente stato confusionale. Il ragazzo veniva poi portato all'ospedale di Vercelli per le cure del caso.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore