/ Cronaca

Cronaca | lunedì 20 novembre 2017, 18:30

Riti esoterici vicino al cimitero di Lumellogno

INDAGINI IN CORSO DA PARTE DELLA POLIZIA

La Polizia ha aperto un'indagine dopo il ritrovamento, nei pressi del cimitero di Lumellogno, di candele, copricapo e di altro materiale utilizzato, con ogni probabilità, per qualche rito esoterico. A documentare e avvertire le forze dell'ordine su alcuni ritrovamenti "sospetti" è stato il consigliere di circoscrizione Carlo Migliavacca che, su Facebook ha raccontato anche i sospetti che lo hanno spinto ad avvertire subito la Polizia.

"Oltre ai soliti oggetti utilizzati per i riti - scrive - è stato ritrovato anche una specie di copricapo certamente utilizzato dalla Mami, una specie di sacerdotessa. Mi viene da pensare che questi riti vengano messi in atto, qui da noi, al fine di impaurire le donne nigeriane (o di qualche altra nazionalità africana) da avviate alla prostituzione".

Il cimitero di Lumellogno è isolato, privo di sorveglianza e segnato anche da un pesante degrado, tuttavia è facilmente raggiungibile e quindi potrebbe essere stato scelto per qualcuno di questi riti che, nella cultura del centro Africa, vanno spesso a causare nelle vittime situazioni di pesante pressione e talvolta addirittura di schiavitù psicologica.

Ora l'indagine potrebbe aiutare a far chiarezza sulla vicenda.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore