/ Spettacoli

Spettacoli | giovedì 09 novembre 2017, 10:58

Al Civico c'è Medea, un grande classico

APPUNTAMENTO CON LA STAGIONE DI PROSA

"Io non interpreto una donna, sono nei panni di un uomo che recita una parte femminile, è molto diverso” afferma Branciaroli, di nuovo protagonista della storica edizione di Medea diretta da Luca Ronconi nel 1996 e riallestita in questa occasione da Daniele Salvo. "Medea" va in scena al Teatro Civico, venerdì alle 21, nell'ambito della Stagione di Prosa. Con Franco Branciaroli ci saranno Alfonso Veneroso, Antonio Zanoletti, Tommaso Cardarelli, Livio Remuzzi, Elena Polic Greco, Elisabetta Scarano,  Serena Mattace Raso, Arianna di Stefano, Francesca Mària, Odette Piscitelli e  Alessandra Salamida, Raffaele Bisegna e Matteo Bisegna.

Se generalmente le letture in chiave psicologica di Medea portano a considerare questo personaggio come il prototipo dell’eroina combattuta tra il rancore per il proprio uomo e l’amore per i propri figli, mentre quelle sociologiche tendono a trasformarla in una sorta di precorritrice del movimento femminista, in questa versione rivoluzionaria Medea è l’emblema della minaccia impersonata da uno straniero, che approda in una terra che si vanta di avere il primato della civiltà.

“La sua non è una tragedia della femminilità - afferma Ronconi - ma della diversità. È per questo suo essere una creatura misteriosa che può anche essere interpretata da un uomo, poiché Medea è un mito: rappresenta la ferocia della forza distruttrice. Se ci rimettiamo nei panni del pubblico greco, vedendo la tragedia, saprà che arriverà ad Atene una forza che si accanisce sulle nuove generazioni, i suoi figli. Lei è una smisurata, dotata di un potere sinistro. La femminilità è la sua maschera per commettere una serie mostruosa di delitti: non è un caso che la prima a cascare sia una donna, la regina, la nuova sposa di Giasone. Ma la maschera di Medea in quanto donna, quella cadrà davanti alla presenza del pubblico, spettatore-testimone di una forza distruttrice".

L'appuntamento è alle ore 21: per informazioni sui biglietti ancora disponibili è possibile telefonare allo 0161 255544.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore