/ Attualità

Attualità | mercoledì 11 ottobre 2017, 11:33

"Io non rischio": la Protezione civile scende in piazza per la sicurezza del territorio

SABATO ANCHE VERCELLI ADERISCE ALLA GIORNATA NAZIONALE

Sabato 14 ottobre, dalle 8 alle 18, in contemporanea con le altre città in tutta Italia, anche Vercelli partecipa alla campagna “Io non rischio”. Per scoprire cosa ciascuno di noi può fare per ridurre il rischio alluvione, l’appuntamento è in piazza Cavour, dove il volontariato di Protezione Civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano insieme per comunicare sui rischi naturali che interessano il nostro Paese.

Prevenire e sensibilizzare i concittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto (secondo il posizionamento territoriale delle città) è lo scopo dell'iniziativa che coinvolge, a livello nazionale, oltre 700 associazioni di volontariato.

“Io non rischio” – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica.

“Siamo lieti – sottolinea l’assessore Carlo Nulli Rosso - di poter collaborare per questa campagna d’informazione della protezione civile. Il nostro Paese è soggetto a una serie di eventi atmosferici e naturali con frequenza considerevole ed è quindi importantissimo poter proporre la cultura della prevenzione e ascoltare i volontari della Protezione Civile che ho modo di vedere all’opera e apprezzarne impegno e capacità anche in relazione alla mia esperienza professionale”.

Sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it, è possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un’alluvione.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore