/ Cronaca

Cronaca | venerdì 11 agosto 2017, 10:19

Appiccava il fuoco a sterpaglie e cassonetti: nei guai un vigile del fuoco volontario

INDAGATO PER INCENDIO E TRUFFA AGGRAVATA: IN DUE ANNI AVREBBE COLPITO UNA DECINA DI VOLTE NELLA VICINA LOMELLINA

Avrebbe appiccato il fuoco a cassonetti, sterpaglie e piccoli depositi di rifiuti per poi dare l'allarme, intervenire per i soccorsi e guadagnarsi cinque minuti di "emozioni".

Un vigile del fuoco volontario di Palestro è denunciato per incendio doloso e truffa aggravata: dal 2014 avrebbe appiccato una serie di incendi in numerosi centri della vicina Lomellina.

A carico di P.M., classe 1989, nato a Novara e residente a Palestro, volontario dei vigili del fuoco del paese, gli investigatori ascrivono numerosi episodi: a Robbio Lomellina avrebbe incendiato alcuni cassonetti per i rifiuti; a Palestro un deposito per i rifiuti; a Rosasco le sterpaglie lungo una strada vicinale, a Palestro un’area per lo stoccaggio dei rifiuti; e poi ancora cassonetti a Palestro e Confienza.

I carabinieri, che stanno ancora indagando su altri episodi avvenuti nell'ultimo anno, avevano notato che a intervenire per primo era sempre lo stesso vigile del fuoco volontario e così hanni deciso di approfondire gli accertamenti, scoprendo che era lo stesso volontario ad appiccare gli incendi che poi si prodigava a spegnere.

Ad aiutare le indagini dei carabinieri anche le immagini di alcune telecamere posizionate nei pressi delle aree di stoccaggio dei rifiuti.

Oltre alla denuncia per aver appiccato il fuoco, nei confronti del giovane è anche stata depositata una denuncia per truffa aggravata, dal momento che, in seguito agli interventi, aveva ricevuto un pagamento mensile che la legge prevede per i vigili del fuoco volontari sulla base delle chiamate e degli interventi effettuati.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore