/ Cronaca

Cronaca | lunedì 05 giugno 2017, 15:55

Vicini ai vercellesi e ai loro problemi: è festa per i 203 anni dei Carabinieri - fotogallery

LA CERIMONIA NEL CORTILE DELLA CASERMA SEDE DEL COMANDO PROVINCIALE DELL'ARMA

Ci sono gli uomini che hanno catturato l'autore dell'efferato omicidio di Stroppiana e quelli che hanno sgominato un giro di trafficanti di droga nel gattinarese. Ci sono i carabinieri che hanno salvato Fiorilena Ronco dalla coltellate del marito; i due militari che, pur essendo fuori servizio, hanno inseguito un ladro che aveva appena messo a segno un colpo a Cigliano, quelli che hanno arrestato alcuni latitanti internazionali che si erano nascosti tra San Germano e Villata. E poi ancora: i carabinieri che, raccogliendo indizi sulle scene di due rapine hanno trovato gli autori dei colpi alla Biver di Bianzè e a Lenta. E i colleghi che, raccogliendo i racconti delle vittime e mettendo insieme un tassello dopo l'altro, sono riuscito a stanare gli autori di numerosi furti ai danni di persone anziane.

Ci sono le loro storie e molte altre ancora, nel cortile della caserma di via Salvatore Vinci, a raccontare un altro anno di lavoro dei Carabinieri. Un anno importante, in cui si è registrata una diminuzione dei reati predatori e in cui le forze dell'ordine hanno dato un contributo importante nel far crescere il senso di sicurezza - percepito e reale - dei vercellesi.

Nel cortile della caserma, insieme ai militari e alle loro famiglie, ci sono moltissimi sindaci del territorio, primo tra tutti quello di Vercelli, Maura Forte, a dimostrazione del legame fortissimo che le comunità locali hanno con i carabinieri: "Da sempre - dice nel suo intervento il comandante provinciale dell'Arma, Cosimo Picciolo - siamo percepiti dalla popolazione non solo come i tutori dell'ordine, ma anche come validi punti di riferimento cui chiedere un consiglio". E questo modo di essere vicini ai cittadini non viene meno nemmeno nel giorno della festa, come nota una donna entrata in caserma per una pratica. 

Alla cerimonia sono presenti le autorità politiche - dal sottosegretario Luigi Bobba, ai consiglieri regionali, al presidente della Provincia - il Prefetto Maria Rosa Trio, il Questore Rosanna Lavezzaro, i magistrati della Procura e i giudici del Tribunale di Vercelli, l'arcivescovo e moltissimi labari e rappresentanti di associazioni. E ci sono alcuni studenti giovanissimi, con i loro cappellini gialli, ad applaudire i militari che ricevono gli encomi per il lavoro svolto.

Un momento di festa che è anche momento di riflessione sul territorio e sui suoi problemi e che, per uomini e donne pronti a rischiare la vita per svolgere il proprio dovere, è anche un momento di giusto e meritato orgoglio. 

Di seguito i nomi dei militari cui sono stati tributati particolari riconoscimenti.

Encomio semplice: brigadiere Stefano Pasqualini e appuntato scelto Emanuele Ruocco (stazione carabinieri di Trino).

Elogio: maresciallo capo Antonio Renna e appuntato scelto Silvio Mantovani (stagione carabinieri di Cigliano). Maresciallo capo Luca Santillo, appuntato scelto Massimiliano Farina, appuntato scelto Gianluca Finocchiaro, carabinieri Luigi Grauso (stazione carabinieri di Vercelli). Maresciallo capo Giovanni Demichelis, appuntato scelto Luigi Tinnirello, appuntato Pietro Tola, carabiniere scelto Josè Juan Romano Di Nardo (stazione carabinieri di Vercelli). Stazione carabinieri di San Germano Vercellese. Brigadiere Aldo Muscella e appuntato maurice Milia (Nor carabinieri di Vercelli). Appuntato scelto Maurizio Corrado (stazione carabinieri di Borgo Vercelli). Maresciallo capo Ivan Simone, maresciallo ordinario Costanza Simone, maresciallo ordinario Massimo Cristoforo Londei, appuntato scelto Giorgio Esu, appuntato Vincenzo Giannuzzi, carabiniere Luca Consiglio (stazione carabinieri di Gattinara). Appuntato scelto Alessandro Sosteni e appuntato Diego Alessandro Spano (Nor compagnia carabinieri di Borgosesia). Brigadiere Luca Cavallini e appuntato Samuele Mascari (stazione carabinieri di Arborio). Maresciallo Ordinario Federico Bertiglia e brigadiere Andrea Arsì (stazione carabinieri di Vercelli e Stroppiana).  Mar.A.s.Ups Raffaele Petti (nucleo investigativo reparto operativo carabinieri di Vercelli). Maresciallo capo Tiziana Barone e appuntato scelto Marco Marsan (Nor di Vercelli).

Il comandante Provinciale dei Carabinieri di Vercelli ha infine tributato un particolare riconoscimento alla Stazione Carabinieri di Vercelli per i brillanti risultati operativi conseguiti nell’ultimo anno, consegnando una targa al comandante della Stazione, Mar.A. s.UPS Pasqualino Putzolu.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore