/ Economia

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia | lunedì 26 dicembre 2016, 14:21

Vitellone piemontese della coscia: riconosciuta l'Igp

ECCO I COMUNI VERCELLESI E BIELLESI INSERITI NEL DISCIPLINARE

Ci sono anche 75 Comuni vercellesi e biellesi a festeggiare l’Igp per la carne di “Vitellone Piemontese della coscia” ha ottenuto l’Indicazione Geografica Protetta (IGP), dopo un iter burocratico partito nel 2009 e fortemente sostenuto dagli allevatori di Coldiretti. Questa importante tutela comunitaria è stata sancita dalla pubblicazione della domanda di registrazione nella Gazzetta Ufficiale UE serie C del 23 dicembre 2016.  

“Un risultato significativo, che arriva dopo anni di lavoro di Coldiretti Piemonte – sottolinea il presidente di Coldiretti Vercelli Biella Paolo Dellarole – e che riconosce lo straordinario valore della più importante razza bovina da carne Made in Italy. L’Igp va a tutelare finalmente la qualità di altissimo livello di questa carne, prodotta dai nostri allevatori e conosciuta in tutto il mondo”.

La razza bovina piemontese conta oltre 350 mila capi con 6 mila aziende impegnate nell’allevamento, sia tradizionale sia legato al pascolamento in alpeggio garantendo, così, il presidio delle montagne e dei territori svantaggiati. Annualmente sono impiegati oltre 15 mila addetti per un fatturato che, per il solo allevamento, vale oltre 500 milioni di euro e per l’intera filiera, comprendente la logistica, il trasporto, la mangimistica, la macellazione e il sezionamento, raggiunge il miliardo e 30 milioni di euro.

L’Indicazione Geografica Protetta “Vitellone Piemontese della coscia” è riservata  alle carni ottenute dalla macellazione di bovini maschi e femmine di razza Piemontese iscritti al relativo Libro Genealogico o figli di genitori entrambi iscritti al Libro Genealogico, di età superiore a 12 mesi, allevati e ingrassati, dallo svezzamento alla macellazione, nella zona di produzione che riguarda nella regione Piemonte, oltre ai Comuni di Vercellese e Biellese, anche le province di Alessandria, Asti, Cuneo e Torino ed alcune realtà del Novarese.

In provincia di Vercelli sono inseriti nel disciplinare i comune di Albano Vercellese,  Alice Castello, Arborio, Balocco, Bianze', Borgo d'Ale, Buronzo, Carisio, Casanova Elvo, San Giacomo Vercellese, Cigliano, Crescentino, Crova, Desana, Fontanetto Po, Formigliana, Gattinara, Ghislarengo, Greggio, Lamporo, Lenta, Livorno Ferraris, Moncrivello, Palazzolo Vercellese, Ronsecco, Rovasenda, Saluggia, S. Germano Verc., Santhià, Trino, Tronzano, Villarboit. In provincia di Biella sono inseriti nel disciplinare: Benna, Biella, Borriana, Camburzano, Candelo, Cavaglià, Cerretto Castello, Cerrione, Cossato, Crosa, Donato, Dorzano, Gaglianico, Graglia, Lessona, Magnano, Massazza, Mongrando, Mottalciata, Muzzano, Netro, Occhieppo Inferiore, Occhieppo Superiore, Pollone, Ponderano, Quaregna, Roppolo, Sala Biellese, Salussola, Sandigliano, Sordevolo, Strona, Valdengo, Verrone, Villanova Biellese, Vigliano Biellese, Viverone, Torrazzo, Zimone, Zubiena, Zumaglia.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore