/ Scuola

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Scuola | domenica 11 dicembre 2016, 10:35

"Ragazzi: fate attenzione ai tranelli della rete"

CYBER BULLISMO, PORNOGRAFIA, RICATTI: STUDENTI A LEZIONE DI SICUREZZA INFORMATICA CON LA POLIZIA DI STATO

ll 7 dicembre si è svolto un incontro tra le classi seconde dell’Istituto professionale Lanino e le Forze dell’Ordine.

In particolare il Sovrintendente capo della Polizia di Stato Luigi Ferrero e l’Ispettrice Maria Rosa Mazza ci hanno parlato di bullismo e di reati postali e in rete.

Durante questo incontro sono stati presentati argomenti quali il cyber-bullismo, la pedopornografia e reati relativi ai social network.

E’ stato spiegato come è facile incorrere in questi tipi di problemi, poiché gli adescamenti on-line al giorno d’oggi sono sempre più frequenti. Questi avvengono mediante social network come Facebook, Whatsapp… dimenticando lo scopo primario di essi, ossia di tenere in contatto amici o familiari a distanza, di comunicare in modo corretto.

Persone poco stabili mentalmente si iscrivono a questi social sotto mentite spoglie e con l’inganno adescano ragazzine spesso innocenti.

La prima regola per evitare che ciò accada è non accettare l’amicizia di persone che non si conoscono.

Non bisogna fidarsi di concorsi di bellezza o concorsi nei quali si può vincere qualcosa gratis su internet, perché coi tempi che corrono difficilmente qualcuno regala qualcosa.

Luigi Ferrero ci ha detto di prestare attenzione alle foto intime o video. Diffonderli è reato!

Attenzione dunque ai tranelli della rete, ai furti di identità, al pericolo di adescamento, alla sexi-estorsione.

Quindi “Posta con la testa!” è il motto che ci ha colpito in questo incontro. Tutti i social network sono aziende private che mirano al profitto; chi li utilizza consente al fatto che i propri profili siano di libero accesso a tutti.

L’ispettrice Mazza ha sollecitato tutti al senso di responsabilità di ogni persona attraverso l’educazione alla legalità. Ha parlato di bullismo ricordando che la nostra libertà deve essere esercitata nel rispetto di quella altrui.

Francesco Mastrovito, Mireille Pekaou, II A corso sociale, IPC Lanino

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore