/ Cronaca

Cronaca | 19 luglio 2016, 10:49

'Ndrangheta: sei arresti tra biellese e vercellese

TRA SANTHIA', CAVAGLIA' E DORZANO ERA RADICATA UNA CELLULA STRETTAMENTE LEGATA A UNA PERICOLOSA COSCA DI REGGIO CALABRIA. A FINIRE IN MANETTE I COMPONENTI I RASO

'Ndrangheta: sei arresti tra biellese e vercellese

C'era un legame stretto e continuo tra la "locale di Santhià", la cosca Raso - Gullace - Albanese di Cittanova (Reggio Calabria) e importanti esponenti di altre famiglie di ‘ndrangheta attive nel Nord Italia.

E' quanto sta emergendo nel corso dell'inchiesta che, su intervento della sezione Criminalità Organizzata delle Squadre Mobili di Biella e Torino, del Gico della Guardia di Finanza, della Polizia di Vercelli e con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato di Roma ha portato all'esecuzione di 15 misure di custodia cautelare in carcere, un arresto domiciliare, in ragione dell’età del destinatario, e due obblighi di presentazione alla Polizia Giudiziaria per associazione mafiosa (‘ndrangheta) armata, concorso esterno in associazione mafiosa ed altri gravissimi reati, tra i quali sequestro di persona e tentato omicidio aggravato.  

Partita da un’indagine, condotta anche dai carabinieri di Volpiano in relazione al tentato omicidio del 2010, l'inchiesta ha portato a individuare e smantellare un pericoloso locale di ‘ndrangheta, attivo e operante nelle province di Biella, Torino, Vercelli e Novara.

Nel corso dell’operazione Alto Piemonte il personale della Polizia e Fiamme Gialle di Torino ha proceduto, nel biellese, all’arresto di Giuseppe Avenoso, 58 anni; Antonio Raso, 74; Diego Raso, 37; Giovanni Raso, 53 e Giovanni Raso, 49; tutti residenti tra Cavaglià e Dorzano. Quest’ultimo si era reso irreperibile ed era in seguito stato rintracciato a Gemona del Friuli dagli agenti della Squadra Mobile di Biella insieme ai colleghi di Udine. A fermare Enrico Raso, 45 anni invece, ci hanno pensato i poliziotti della Mobile di Vercelli. Sono state inoltre svolte numerose perquisizioni domiciliari e in vari locali.

L’operazione si inserisce nel quadro di un’operazione sviluppatasi a livello nazionale e che si sta concludendo in queste ore.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore