/ Libri

In Breve

giovedì 08 novembre
martedì 06 novembre
giovedì 18 ottobre
mercoledì 17 ottobre

Libri | sabato 23 aprile 2016, 23:50

Vegan Le città di Dio

IL ROMANZO DI REMO BASSINI NELLE MAGGIORI LIBRERIE ITALIANE (A VERCELLI DA MONDADORI)

Vegan Le città di Dio

E' uscito “Vegan. Le città di Dio”, di Remo Bassini, scrittore e giornalista vercellese (che sta vivendo una parentesi come assessore all'ambiente). Il romanzo, pubblicato dalla casa editrice Tlon, è distribuito da Macrolibrarsi e si trova nelle maggiori librerie italiane. A Vercelli è in vendita da Mondadori.

Un estratto del libro (che si rifà alle teorie di The China study)

Stanno per sorgere tante nuove e piccole città, fuori dal tempo, con alberi, fiori e orti dovunque. Saranno senza plastica, senza veleni, senza fretta. Le case saranno di legno, con i camini di pietra dove fa freddo. Verranno costruite dovunque, queste città: vicino ai monti, nelle piane, davanti al mare o ai laghi.

Non ci saranno automobili; solo biciclette, e qualche calesse trainato da un cavallo o due, dove saliranno i bambini. I computer verranno usati in spazi appositi e per poco tempo, perché il tempo, in queste città, verrà vissuto soprattutto all’aria aperta, tra viali, piazze e parchi. E poi, in queste città ci saranno tante sale: sale cinematografiche, di lettura, dove giocare a scacchi, tombola e dama; sale da ballo, dove suonare e ascoltare la musica. E ci saranno ‒ questo è certo ‒ sale per piccoli e grandi: saranno le prime a essere costruite. La spesa si farà con le borse che si usavano una volta; i rasoi avranno le lamette intercambiabili; le penne saranno o stilografiche o matite. Torneremo a scrivere lettere e biglietti. Torneremo, in queste città, a conservare gelosamente lettere e biglietti, come fossero gioielli. E ci saranno, insieme ai falegnami, le botteghe che c’erano una volta: quella dell’arrotino, quella dell’aggiustatore di ombrelli e di orologi.

C’è tanta gente che sta chiedendo di queste città: gente che vorrebbe incontrarsi in piazza, per decidere cosa fare la sera. Studiare. Raccontare storie. Pensare alla città. Accarezzare il proprio cane o gatto. Ascoltare il canto degli uccelli. Guardare le stelle. Nessuno, in queste città, mostrerà i propri muscoli o il proprio sapere agli altri. Si cercherà, in queste città, di discutere e parlare e decidere di argomenti scabrosi magari organizzando una festa. Cercheremo di imparare ‒ e poi lo insegneremo ai nostri bambini – a sorridere a chi non la pensa come noi. E i vecchi saranno i re. Avranno rispetto e compagnia. Così che gli ultimi capitoli lascino un buon ricordo.

E i malati non saranno più chiamati malati: dovranno solo ritrovare l’equilibrio perduto, magari nel silenzio, sicuramente con cibi che cacciano via le malattie e rinvigoriscono. Per vivere, quindi, serviranno le sementi sane di una volta; serviranno tanti orti di frutta e verdura. Saranno città accerchiate dagli orti: si chiameranno Le città di dio, o degli orti, non importa. Saranno i semi le monete di queste città. (vegAn)

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore